Teatro “Carlo Gesualdo”, Natale “magro” per gli ex collaboratori

Stipendi arretrati non prima del nuovo anno. Gli ex collaboratori del Teatro Carlo Gesualdo di Avellino chiedono la priorità

Arturo Brachetti

AVELLINO. Gli ex lavoratori del Teatro Gesualdo che per anni hanno gestito i servizi necessari per il funzionamento della struttura, come la biglietteria, l’accoglienza, il service di palcoscenico, la manutenzione, la sicurezza e il palcoscenico riceveranno gli stipendi arretrati non prima del nuovo anno. Gli ex collaboratori non restano, però, a guardare e, assistiti dai loro legali, hanno protocollato una missiva indirizzata al prefetto Maria Tirone, al sindaco Paolo Foti, al segretario generale Riccardo Feola e AL commissario liquidatore Marco Chiauzzi. Come riportato dal quotidiano Il Mattino gli ex lavoratori del Gesualdo chiedono priorità nei pagamenti rispetto agli altri creditori. Un Natale “magro” quello degli ex dipendenti del Teatro che hanno subito la crisi dei loro datori di lavoro.

                                                                                                                                                                     Articolo a cura di Rosa Melillo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *