Stop delle auto ad Avellino, nuovo provvedimento dell’Amministrazione

35 sforamenti, nuova ordinanza del Comune di Avellino. Per il sindaco Ciampi è allarme smog. L'amministrazione modifica i termini dello stop alle auto

Vincenzo Ciampi

Le parole del Sidaco di Avellino Vincenzo Ciampi in merito ai nuovi termini, più severi, dell’ordinanza antismog per il Capoluogo

Qualità dell’aria in città. Con lo sforamento numero 35, l’amministrazione comunale di Avellino si trova nelle condizioni di dover applicare il protocollo d’intesa sottoscritto dai Comuni ricadenti nell’area urbana di Avellino il 26 gennaio scorso.

Quindi, il divieto di circolazione sarà esteso anche ai mezzi Euro 4 per i motori diesel e fino ad Euro 3 per i motori a benzina. Il divieto è previsto dalle 8 alle 14 e dalle 15 alle 20 sull’intero territorio comunale.

Inoltre, si aggiungono due domeniche ecologiche, previste per il 18 ed il 25 novembre prossimi.

Parla Ciampi

“Il nostro scopo principale, come amministratori, è quello di tutelare la salute pubblica” – spiega il sindaco Vincenzo Ciampi.

Eminenti studi confermano che vi sono più dubbi sul fatto che l´inquinamento atmosferico rappresenti un rischio per la salute umana.

L´inquinamento atmosferico non agisce soltanto sull’apparato respiratorio; infatti batteri, virus e allergeni come i pollini, o le sostanze contenute nel fumo di tabacco possono causare anche altri disturbi a livello più generale così come le sostanze inquinanti presenti nell´aria.

“Siamo putroppo difronte ad un vero e proprio allarme smog, è un’emergenza che dobbiamo tamponareprosegue il primo cittadino -. Invitiamo pertanto i cittadini a collaborare per il loro bene e per la salute dei loro figli”.

L’amministrazione comunale, nel contempo, sta studiando ogni possibile soluzione per limitare i possibili disagi.

“Già nelle prossime ore – afferma l’assessore all’Ambiente Massimo Mingarelli – convocheremo i sindaci dei Comuni che hanno sottoscritto l’Accordo per l’adozione di azioni congiunte volte al miglioramento della qualità dell’aria, per sollecitarli ad applicare anche sui loro territori le stesse misure.

Questo è fondamentale. Il Comune di Avellino può essere virtuoso quanto vuole, ma anche gli altri enti devono fare lo stesso, altrimenti si rende tutto inutile. Infatti, vorrei sottolineare che le rilevazioni della centralina Arpac AV41-Avellino, come recita del resto lo stesso Accordo, sono da ritenersi alla qualità dell’aria del nostro capoluogo e dei comunil limitrofi.

Purtroppo – prosegue l’assessore Mingarelli – il problema delle polveri sottili è al suo punto più critico. Il dato del 35mo sforamento, oltre a confermare che le misure antismog che abbiamo intrapreso in anticipo erano necessarie, confermano altresì che, da oggi, siamo obbligati ad assumere misure più incisive, in attesa di misure alternative che stiamo vagliando attentamente”.