Il sottopasso di Piazza Libertà al vaglio del Provveditorato opere pubbliche

L’opera di oltre 11 milioni di euro non era stata mai sottoposta al Provveditorato per la classificazione e la valutazione progettuale

Un Comitato tecnico è stato fissato esclusivamente sulla tematica del sottopasso di Avellino per il quale da anni mancava un rapporto diretto con l’amministrazione centrale

E’ l’importante risultato raggiunto dallassessore ai Lavori Pubblici e Urbanistica, Rita Sciscio, che ha incontrato il Provveditore interregionale per le opere pubbliche di Campania, Molise, Puglia e Basilicata, Giuseppe D’Addato, per definire il cronoprogramma degli interventi amministrativi relativi al completamento dei lavori per il sottopasso di piazza Libertà.

Procede, dunque, la collaborazione istituzionale tra il Comune di Avellino, in particolare l’assessorato ai Lavori Pubblici e Urbanistica,  e il ministero delle Infrastrutture e il Provveditorato interregionale alle opere pubbliche.

L’opera, che sconta ritardi di anni sia nell’avanzamento dei lavori che nella definizione delle procedure autorizzative,  è stata sottoposta al  vaglio dell’ufficio del Provveditore  che ha disposto l’analisi  da parte del  Comitato tecnico amministrativo  sulla documentazione  perfezionata dall’amministrazione Ciampi.

Dopo questo indispensabile passaggio si potrà sgomberare il campo dunque da ogni problematica e sarà possibile per l’impresa andare al completamento dei lavori.


“L’opera di oltre 11 milioni di euro – spiega l’assessore Sciscio – non era stata mai sottoposta al Provveditorato per la classificazione e la valutazione progettuale.

Di qui i ritardi che si sono accumulati negli anni.

Si tratta di un concreto intervento  che potrebbe consentire di sbloccare un’opera per la quale ci sono finanziamenti ancora da rendere disponibili e su cui, non è superfluo ricordarlo, è in corso un’inchiesta della magistratura”