Solofra, tre imprenditori conciari nei guai

Gravi le violazioni della normativa in materia ambientale: emissioni inquinanti non autorizzate e trattamento e stoccaggio di rifiuti speciali

suicida riciclaggio ricettazione domiciliari truffa Solofra violenza sorvegliato speciale sicurezza lavoro genitori assolto Gerardo Pizzullo Grottominarda calcio solofra inquinamento conciari truffa lauro incidente di caccia

SOLOFRATre conciari solofrani sono stati denunciati dai carabinieri perché responsabili di violazioni delle norme in materia ambientale.

Le indagini svolte dai carabinieri di Solofra, corroborate dal continuo monitoraggio di tale deplorevole azione destinata inevitabilmente a compromettere l’ambiente e, di conseguenza, il benessere delle persone, permettevano di appurare che l’impianto di spruzzo e relativo impianto di emissione con due camini posti sul tetto di un opificio era privo della prescritta autorizzazione delle emissioni in atmosfera. Il titolare della conceria è stato pertanto deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino e l’impianto sottoposto a sequestro.

Alla medesima Autorità Giudiziaria, diretta dal Procuratore Rosario Cantelmo, sono stati deferiti altri due imprenditori poiché dai controlli svolti dai Carabinieri risultava che le vasche per la raccolta di rifiuti speciali delle loro concerie erano colme e pertanto effettuavano un’attività di trattamento di rifiuti speciali, messa a deposito, in assenza delle prescritte autorizzazioni. Entrambi le vasche sono state sottoposte a sequestro.

L’operazione è stata condotta nella città conciaria nell’ambito di un controllo ad ampio spettro disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Avellino, finalizzato alla tutela della salute del cittadino e della legalità nella sempre delicata materia ambientale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *