Rischio idrogeologico ad Avellino, il parere dell’esperto, l’architetto Claudio Rossano

Un'area importante che è quella relativa alla rotatoria di sbocco del Tunnel su via San Leonardo, nella fascia di limite di esondazione del Fenestrelle

Riceviamo e pubblichiam la segnalazione di un lettore, l’architetto Claudio Rossano, in merito all’articolo con la mappa delle zone di Avellino maggiormente esposte a rischio idrogeologico

“Tra le aree indicate non ritrovo però un’area estremamente importante che è quella relativa alla rotatoria di sbocco del Tunnel su via San Leonardo. Ho delimitato tale zona con una circonferenza in nero.

Tale area è nella fascia di limite di esondazione del Fenestrelle o rio Rigatore. E tanto si rileva non da mie considerazioni ma da una attenta lettura di atti comunali vigenti ovvero il Piano Casa adottato con delibera di Consiglio Comunale n.23 del 25 2 2010.

Cosa succederebbe su quel tratto di strada in caso di esondazione del Fenestrelle? E’ mai possibile che la Soprintendenza o lo stesso Genio Civile (enti che emettono pareri sui progetti relativi alle distanze dai corsi d’acqua) non si siano mai espressi su tale importante vicenda?

O rapporti parentali esistenti tra dirigenti comunali preposti alla realizzazione del Tunnel e dirigenti di quei due enti di controllo hanno fatto ‘sì che la cosa venisse irresponsabilmente sottaciuta?

Tale fatto è stato da me segnalato agli organi preposti al rispetto della Giustizia nel lontano dicembre 2015 raccogliendo i tanti appelli della Procura tesi all’affermazione della legalità e alla cultura dell’ambiente. Spero che non si debba discutere di queste mie affermazioni dopo qualche evento calamitoso”.