Rifiuti pericolosi in un opificio abbandonato: 40enne finisce nei guai

I militari operanti hanno proceduto al controllo della struttura a Cervinara riscontrando la presenza di circa 50 metri cubi di rifiuti pericolosi e non

CERVINARA.I Carabinieri della Stazione di Cervinara, all’esito di un controllo presso un opificio abbandonato hanno deferito alla competente Autorità Giudiziaria un 40enne ritenuto responsabile di violazione di norme in materia ambientale.

Rifiuti pericolosi nella Valle Caudina

I militari operanti hanno proceduto al controllo della struttura riscontrando la presenza di circa 50 metri cubi di rifiuti pericolosi e non. Pneumatici usati, frigoriferi, televisori, materiale di risulta, sedili e parti di carrozzeria di autovetture, materiale plastico, carta, mobilio vario: sono solo alcuni dei rifiuti stipati nell’area in argomento. Pertanto si richiedeva l’intervento di personale dell’ARPAC di Avellino per la catalogazione degli stessi.

L’area di circa 2mila metri quadri è stata sottoposta a sequestro.

A carico del 40enne è dunque scattata la denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino.

Sono in corso indagini finalizzate anche all’individuazione di ulteriori responsabili.

L’attività effettuata dai militari della Stazione di Cervinara si inserisce in una più ampia campagna mirata di controlli preventivi intrapresi dal Comando Provinciale Carabinieri di Avellino, tesi alla salvaguardia degli smaltimenti illeciti di rifiuti a tutela dell’ambiente e della salute pubblica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *