L’Irpinia e la sua lingua nei racconti di un’antica terra

I dialetti irpini in un viaggio temporale dal'800 ai tempi moderni. Tradizioni linguistiche che parlano di un popolo, quello irpino, pieno di magia

L'Irpinia e la sua lingua nei racconti di una terra antica

I dialetti irpini in un viaggio temporale dal’800 ai tempi moderni. Tradizioni linguistiche che parlano di un popolo, quello irpino, pieno di magia

Il racconto in lingua : Piroccola, votat’attuorno

N’gera no pacchiano e si mettette a garzone co no fattochiaro assai lontano ra lo paese suio. Sto patrone li ria iuorni l’anno re permesso pe ghine a trovò la famiglia e ogni bota chi ne lo mannava li ria no ricuordo. Passato l’anno, recette lo garzone:

  • Patrò, è passato l’anno. Voglio ine a trovà la famiglia!-

Lo patrone li rette no cicio pe comprimiento e li ricette:

  • Statt’attiento re rice nanti a gente arri caca urre! –

Ma lo pacchiano, chi non è mai astuto, arrivavo a la prima taverna pe passà la notte, consegnavo lo ciuccio a lo tavernaro e li ricette:

  • Tavernà, ti consegno sto ciuccio ma no li rice arri caca urre! –

Allo tavernaro paria cient’anni che lo passagiero no s’addormesse e doppo chi s’assicuravo ca quiro rormia, chiù pe si levà lo cariccio iette a dice a lo ciuccio “arri caca urre” e lo ciuccio cacavo renari. Penzavo re li cangià lo ciuccio la matina appriesso quanno se ne ia e accossi fewcette. La matia li facette trovà n’ato ciuccio, puro com’a quiro. S’aozavo tutto preiato, la matina, lo garzone re lo fattocchiaro e, pigliato lo ciuccio a capezza, s’abbiavo a la casa; e subit’arrivato recette a quiri della casa :

  • Vi voglio arricchire; parati no sacco nculo a lo ciuccio.-

Pararono lo sacco e pe caso, mentre recette a lo ciuccio “arri caca urre”; li scappavo re cacà e li cacavo rint’a lo sacco. S’abbuscavo na mazziata e se ne iette n’ata vota a do lo padrone:

  • Patrone mio, lo ciuccio, mece re cacà rinari, cacavo merda com’a ogni ato ciucccio e pe comprimento m’hanno fatta na mazziata mamma e tata.-

Lo patrone s’addonavo ca s’avia fatto arrobbà lo ciuccio e pe penetenza lo facette stà rui anni senza mannarlo a la casa a trovà la mamma e lo patre. Ncapo li rui anni lo mannavo e pe cumprimento li rette nu salvietto chi quanno li ricia :

  • Salvietto mitti tavola – lo salvietto apparechiavo tavola co tutta a roba ra magnà.-

La sera se ne iette a la stessa taverna e si facette puro cagnà lo salvietto come la avevina cagnato lo ciuccio. S’accappavo nata bona mazziata a la casa e sacappavo n’ata vota a do lo patrrone e li ricette ca l’avievano cangiato puro lo salvietto a la stessa taverna. A quiro seconna scampolo, pe tre anni lo padrone no lo mannavo chiù a la casa e doppo li tre anni lo mannao co quisto patto:; si l’arrobbavano la piroccola che li ria pe comprimento avià ra tornà, sino se ne restava a la casa. Lo camanno re la piroccola era “Piroccola votat’attuorno”, e pe la fa bontà si ricia “Piroccola, Statti coeta”. L’urtima vota mettette iurizio. Iette a da lo stesso tevernaro, li consegnao la piroccola e recette:

  • No dice piroccola, vot’attuorno.-

Mangiavo e si corcavo. Lo tavernaro, ca si creria ca tutte r’ova li venievano tonne, no mancavo re rice:

  • Piroccola, votat’attuorno! –

Ma la piroccola si mettete sola sola a batte a lo tavernaro a tutti l’ati chi ng’erano attuorno senza mica bontà. Avettero ra chiamà lo passeggiero. Quiro a sentirsi chiamà s’aozavo chiano chiano e la piroccola vattia come fosse stato granarinio e, quanno iette, prima si fece caccia lo ciuccio e lo salvietto e po’ facette abbondò la piroccola re vatte. Se ne iette a la casa e s’abberavo quero chi no bolievano crere.

 

(tratto da Li Canti Viecchi – di Modestino della Sala)

 

 

Il racconto in italiano : Bastone girati intorno

 

C’era un paesanotto che si mise a garzone da un mago, molto lontano dal suo paese. Questo padrone gli dava venti giorni all’anno per andare a trovare la famiglia ed ogni volta che lo licenziava gli dava un ricordo. Trascorso l’anno, il garzone disse:

  • Padrone è passato un anno. Voglio andare a trovare la mia famiglia.-

Il padrone gli dette un asino in regalo e gli disse:

  • Accorto a non dire davanti alla gente “arri caca urre”. Il paesanotto, che non era certo furbo, arrivò alla prima osteria per passare la notte, affidò l’asino all’oste e gli disse:
  • Oste, ti consegno quest’asino, ma non dirgli “arri caca urre”.-

All’oste sembrò un’eternità il tempo che il passeggero mise ad addormentarsi e, dopo che fu sicuro che dormisse, più per togliersi la soddisfazione disse “arri caca urre” e l’asino cacò denari. Pensò di cambiargli l’asino la mattina dopo, quando se ne fosse andato,e così fece. La mattina seguente gli fece trovare un altro asino, identico a quello. Il garzone del mago si alzò la mattina seguente tutto contento e preso l’asino per le redini, si avviò verso casa; non appena fu arrivato disse a quelli di casa:

  • Vi voglio fare un ricchi; mettete un sacco dietro l’asino.-

Prepararono un sacco e per caso, mentre diceva “arri caca urre”, all’asino venne di cacare e cacò dentro al sacco. Così il paesanotto si prese una bastonatura e se ne andò un’altra volta dal padrone e gli disse:

  • Padrone mio, l’asino invece di cacare denari, cacò merda come ogni altro asino e, per regalo, papà e mamma mi hanno bastonato.

Il padrone si accorse che si era fatto rubare l’asino e per penitenza lo tenne due anni senza mandarlo a casa a trovare la mamma e il padre. Dopo due anni lo mandò e per regalo, gli dette un tovagliolo, tale che, quando diceva. “tovagliolo matti tavola”, il tovagliolo apparecchiava la tavola con tanta roba da mangiare. La sera se ne andò alla stessa osteria e si fece anche cambiare il tovagliolo, come si era fatto cambiare l’asino. Si prese una buona bastonatura a casa  e corse di nuovo dal padrone. A quel secondo infortunio il padrone non lo mandò più a casa e, dopo tre anni, lo mandò con questo patto: se gli avessero rubato il bastone che gli dava in regalo doveva tornare, altrimenti restava a casa. Il comando del bastone era: “Bastone girati intorno”,  e per farlo stare fermo “Bastone, stai fermo. L’ultima volta mise giudizio. Andò dall’oste, gli consegnò il bastone e gli disse:

– Non dire “Bastone girati intorno”, mangiò e si coricò.  L’oste, che credeva che tutte le uova gli sarebbero venute tonde, non mancò di dire : Bastone, girati intorno!, ed il bastone si mise da solo a battere l’oste e tutti gli altri che gli stavano intorno, senza fermarsi.  Dovettero chiamare il viaggiatore. Quando lo chiamarono, quello si alzò piano piano e il bastone batteva come fosse stato granturco e , quando andò, si fece restituire l’asino e il tovagliolo e poi fece fermare il bastone. Allora andò a casa e si avverò quello che non volevano credere.