Racconti di una terra antica, l’Irpinia e la sua lingua

Un viaggio tra il linguaggio antico dell'Irpinia, dove la tradizione attraversa la storia di un popolo nelle sfaccettature dei suoi dialetti

I dialetti irpini in un viaggio temporale dall’800 ai tempi moderni, tradizioni linguistiche e storiche che parlano di un popolo, quello irpino, pieno di straordinarie costumi che, nonostante i tempi, regalano ancora una spettacolare magia

Il racconto in lingua : Masto Grazullo

 

A Fontana nge stia no scarparo chi si chiamava Grazio e pe stranginomo lo chiamavano masto Grazullo.

Viecchio ca era, lo pover’omo mettia li punti fiacchi e re scarpe subito si scosevano e la meglio parte si sciantellavano ntutto. No iorno iette uno, chi no me recordo como se chiamava, e decette a masto Gazullo:

  • Fammi no paro re scarpe fuorti, ca si s’avessero ra scose subito no ti pago.-
  • Vieni crai, – recette Masto Grazullo, – e te re pigli, crai chi n’avimo quattordici re Natale. –

Quiro no mancao re ine lo iuorno appriesso e trovavo re scarpe fatte; addommanavo quanto re potia portà e masto Grazullo li ricette:

  • Re può porta nfino a santa Lucia. –

Quiro si facette lo cunto ca n’avia quattoridi re Natale e, come ca santa Lucia è a li tredici, recette nfra sé: “Re pozzo portà n’anno; sto Masto Grazullo s’ave mparato re fa miracoli sta vota”.

Si mettete le scarpe rinto a la poteia re masto Garzullo e se n’assette; arrivato chi fo nanti a la ghiesa re santa Lucia, si scosiero re scarpe. Corrette subito adda lo scarparo, facennosi re fuoco; ma masto Grazullo l’addommanavo che c’osa era stato.

Recette l’uommene re scarpe:

  • tu m’hai ritto picca nante ca re scarpe re portava nfino a santa Lucia e quere si so rotte e scosute subito, come si fossero state re carta re strazzo.-
  • E che buò ra me,- recette masto Grazullo – Io tennia ca re poravi nfino a la ghiesa re santa Lucia, no già fino a lo iorno re santa Lucia!-

Accossi masto Grazullo restavo quiro contente e gabbato. N’ata vota, po’, facette no paro re scarpe a n’avvocato e, doppo chi nge r’avette fatte mette rinto la poteia sua, recette:

  • Io te consegno re scarpe nove rint’a la poteia, si po’ quanno si assuto fore si scasciano no ne voglio sapè nienti! –

Lo pigliavo mbrazza e lo posavo miezz’a la via e appena lo posavo nterra si scosiero re scarpe e masto Grazullo restavo scusato.

A no prevote puro ngi avia fatte no paro re scarpe e s’erano scosute a la mpressa. Lo prevote puro corrette a do masto Grazullo ma masto Grazullo li recette:

  • Tu si ghiuto pe dinto a lo vallone, hai scarpesata cocche serpe morta e si so scosute re scarpe, mo si te re buo fa cose, m’hai ra pagà n’ata vota la faiia!-

Co ste parole coglionavo puro lo prevote e accossi, a ogni male sovrizio chi facia, sapia masto Grazullo trovà la zeppa pe si scoprà e coglionava tutti.

 

(tratto da Li Canti Viecchi – di Modestino della Sala)

 

Il racconto in italiano Mastro Grazullo

 

C’era a Fontana un calzolaio che si chiamava Grazio e per diminutivo lo chiamavano mastro Grazullo.

Vecchio qual’era, il poveretto metteva punti deboli alle scarpe, che subito si scucivano e nella maggior parte si rompevano completamente. Un giorno capitò nella sua bottega un cliente, che non ricordo come si chiama, e disse a mastro Grazullo:

  • Fammi un paio di scarpe forti, che, se si dovessero scucire subito, non ti pagherei! –
  • Vieni domani, – disse mastro Garzullo, – e te le pigli, domani, che è il quattordici di dicembre. –

Quello non mancò di andare il giorno dopo e trovò le scarpe; chiese per quanto tempo le avrebbe potuto portare e mastro Grazullo gli rispose:

  • Fino a Santa Lucia. –

Quello ricordò che era il quattordici di dicembre e, poiché Santa Lucia è il tredici, disse fra sé: “Le posso portare un anno, maestro Grazullo ha imparato a far miracoli questa volta”. Si mise le scarpe nella bottega di mastro Grazullo e se ne uscì, arrivato davanti alla chiesa di Santa Lucia le scarpe si scucirono. Corse subito dal calzolaio, arrabbiato, ma mastro Garzullo gli chiese cosa fosse stato. Disse l’uomo, delle scarpe:

  • Tu mi hai detto poco fa che io avrei portato le scarpe fino a Santa Lucia ed invece si sono rotte e scucite subito, come se fossero state di carta straccia. –
  • Cosa vuoi da me!- disse Mastro Garzullo, – Io intendevo che le avresti portate fino alla chiesa d Santa Lucia, non fino al giorno di Santa Lucia.-

Così Mastro Garzullo lo lasciò contento e gabbato. Un’altra volta, poi, fece un paio di scarpe ad un avvocato e, dopo che gliele fece mettere nella sua bottega, disse :

  • Ti do le scarpe nuove nella bottega; se poi, quando sei uscito fuori, si rompono non ne voglio sapere nulla!-

Lo prese in braccio e lo posò in mezzo alla strada; non appena lo depose a terra le scarpe si scucirono e  Mastro Garzullo rimase scusato.

Aveva fatto delle scarpe anche ad un prete e si erano scucite subito. Anche il prete corse da mastro Garzullo, che gli disse:

  • Sei andato nel vallone, hai pestato qualche serpente morto e si sono scucite le scarpe; ora se vuoi fartele cucire mi devi di nuovo pagare il lavoro!

Con queste parole prese in giro anche il prete e così, per ogni guaio che faceva, Mastro Garzullo sapeva trovare il sistema per discolparsi e prendeva in giro tutti.

 

A cura di Elizabeth Iannone

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *