Panchine gialle per chi fa l’autostop: la novità dalla Svizzera

Il bus non passa? C'è sempre l'autostop. E da oggi a Lugano ci sono anche le "panchine condivise". Appositamente pensate per chi cerca un passaggio in auto, complementari al trasporto pubblico

Il bus non passa? C’è sempre l’autostop. E da oggi a Lugano ci sono anche le “panchine condivise“. Appositamente pensate per chi cerca un passaggio in auto, complementari al trasporto pubblico.

Panchine gialle per chi fa l’autostop: la novità dalla Svizzera

Il progetto è nato da un’idea della Commissione di quartiere della città di Lugano, a cui il Municipio ha concesso gli spazi necessari.

Le prime quattro panchine per autostoppisti, di colore rigorosamente giallo, sono comparse questa settimana nelle zone di Brè, Aldesago, Albonago e Cassarate, vicino ad altrettante fermate del bus.

In prossimità di ognuna sono stati installati anche degli appositi cartelli, con spiegazioni sul funzionamento del servizio.  Una panchina è installata anche a Ruvigliana. Il progetto, ha fatto sapere la Commissione di quartiere nei mesi scorsi, prevede una fase di test per i prossimi sei mesi. Dopodiché, in base al responso della popolazione, si vedrà se estenderlo nel tempo e magari al resto della città.

Non sarà di certo il modo per risolvere il problema dei trasporti, sostiene Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, ma si tratta di un elemento originale di arredo urbano. Le panchine scarseggiano, dunque, in città dove l’effetto ottenuto sarebbe almeno doppio: moltiplicare le rare sedute e offrire la possibilità a chiedere un passaggio per casa comodamente seduti. Un’iniziativa basata sulla fiducia e sul senso di responsabilità. Chi transita con la macchina potrà dare un passaggio a chi ne ha bisogno, e magari è anche un conoscente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *