Obbligo vaccini a scuola: time out per presentare la documentazione

Le regioni italiane hanno recepito diversamente l'obbligo di vaccinazione degli studenti. Oggi è, in tutte, l'ultimo giorno per gli incartamenti

obbligo vaccini vaccinazione scade termine scuola

Il tempo è ormai scaduto: con oggi termina il periodo a disposizione dei genitori e dei tutori per presentare la documentazione vaccinale per i bambini e ragazzi dai 6 ai 16 anni (16 anni e 364 giorni) che frequentano, quindi,  scuole elementari, scuole medie e il primo biennio del liceo. Per i bambini fino ai sei anni, per l’iscrizione agli asili nido, il termine è scaduto il 10 settembre.
È superfluo specificare che nell’obbligo dei vaccini sono inclusi i minori stranieri non accompagnati per la stessa classe di età.

Il termine si riferisce all’obbligo, stabilito da quest’anno scolastico, di dichiarare se sono state fatte le vaccinazioni. È possibile, sul liminare di questa scadenza, attestare l’attesa di doverle fare o l’eventuale esonero.
Per chi è in attesa di farle sarà necessario allegare la prenotazione della visita vaccinale o, in mancanza, un’autodichiarazione (puoi scaricarla cliccando qui).

In ogni caso, entro il 10 marzo 2018 va presentata la documentazione idonea comprovante l’effettuazione delle vaccinazioni obbligatorie.

Su questo adempimento non v’è omogeneità tra le regioni italiane.

 

Avellino

 

Già ad agosto l’Asl di Avellino aveva fornito, attraverso una circolare, tutte le indicazioni utili.
In particolare elencava i vaccini obbligatori:

per i nati dal 2001 al 2016:
Anti poliomielite, anti epatite B. antidifterite, antitetano, antipertosse, anti Haemophilus influenzae tipo b
anti morbillo, parotite,rosolia;

per i nati dal 2017 in poi:
le vaccinazioni su elencate più l’antivaricella.

Stando ai dati, la copertura vaccinale in Avellino sfiora il 99%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *