Gestione illecita di rifiuti: sequestrate traversine ferroviarie in disuso

I carabinieri hanno sequestrato a Montefalcione un’area di circa 100 metri quadrati, di proprietà delle “Ferrovie dello Stato”, dove erano stati illecitamente depositati 80 metri cubi di traversine ferroviarie in disuso, trattate con una sostanza cancerogena. Due denunce

MONTEFALCIONE. Montefalcione, i Carabinieri della locale Stazione, coadiuvati dai colleghi della Stazione Forestale di Avellino, hanno posto sotto sequestro preventivo un’area di circa 100 metri quadrati, di proprietà delle “Ferrovie dello Stato”, dove erano stati illecitamente depositati circa 80 metri cubi di traversine ferroviarie in disuso, trattate con creosoto, utilizzato come impregnante.

Gestione illecita di rifiuti: sequestrate traversine ferroviarie in disuso

Il creosoto è una sostanza chimica, notoriamente cancerogena, estremamente volatile e diffusibile nell’ambiente sia per vaporizzazione (che aumenta col crescere delle temperature) che per percolazione (con inquinamento della falda acquifera).

Dal 2002 i materiali trattati con creosoto sono classificati “rifiuti pericolosi” e pertanto è vietato lo stoccaggio non autorizzato.

La denuncia

Alla luce delle evidenze emerse, due amministratori di due distinte società, sono stati deferiti alla Procura della Repubblica di Avellino, individuati come responsabili per abbandono e gestione illecita di rifiuti speciali pericolosi.

Nel corso dei successivi accertamenti, gli inquirenti procederanno a verificare eventuali contaminazioni della sostanza nell’area circostante.

L’operazione eseguita dai militari è certamente un fatto importante per la tutela dell’ambiente e mira principalmente alla salvaguardia della salute pubblica.

Analoghe operazioni finalizzate all’accertamento della presenza di rifiuti speciali stoccati senza seguire le norme o addirittura abbandonati sono state effettuate, in tempi recenti, anche in altre zone della provincia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *