Molestie a due studentesse, rito abbreviato per il supplente del De Luca

Molestie a due studentesse, rito abbreviato per il supplente del De Luca. E' stata rigettata la richiesta di riunire i due procedimenti penali a suo carico

Molestie a due studentesse

Molestie a due studentesse, rito abbreviato per il supplente del De Luca. E’ stata rigettata la richiesta di riunire i due procedimenti penali a carico dell’uomo

Molestie a due studentesse

Molestie a due studentesse. Per A.F., il supplente del liceo artistico De Luca di Avellino, nessun accorpamento tra i due procedimenti penali che lo vedono accusato di violenza sessuale da due studentesse, di cui una disabile.

Il tribunale ha rigettato la richiesta di accorpamento dei due procedimenti, e dunque il supplente molestatore dovrà essere giudicato  in entrambi i procedimenti, con rito abbreviato.

Le molestie

Il supplente 37enne, era stato arrestato a marzo dai carabinieri di Avellino, proprio in seguito alla denuncia della minorenne, che aveva raccontato come l’uomo la molestava sull’autobus.

La seconda ragazzina, invece, aveva raccontato di essere stata palpeggiata in aula durante la lezione d’arte.

Le date dei processi

L’udienza che riguarda le molestiealla studentessa disabile è stata fissata per l’8 gennaio, mentre l’altro procedimento scaturito dalla denuncia della prima studentessa, verrà discusso a breve, il 20 dicembre.

Le attenuanti

Secondo la perizia psichiatrica effettuata da Francesca Cozzolino, la consulente nominata dal Gip Fabrizio Ciccone, il supplente beneventano 37enne “Non ha agito spinto da pulsioni sessuali, bensì da un abnorme psichico scatenato da fattori esterni. Infine non presenta alcuna pericolosità sociale”.