Maxi sequestro di fuochi d’artificio in un centro commerciale di Avellino

580 kg di fuochi d’artificio sono stati sequestrati dalle Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Avellino nel negozio cinese di un centro commerciale

Guardia di Finanza Comando Provinciale di Avellino

AVELLINO. Ammonta a 580 kg l’ultimo quantitativo di fuochi d’artificio che le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Avellino hanno sottratto al commercio irregolare.

Questa volta a finire nel mirino dei finanzieri del Nucleo Mobile della Compagnia della Guardia di Finanza di Avellino è stato un vasto esercizio commerciale, di recente apertura, situato all’interno di un centro commerciale del capoluogo irpino.

I finanzieri nell’esercizio commerciale hanno trovato i 103.822 artifici pirotecnici, esposti per la vendita senza le giuste cautele, in prossimità di altra merce altamente infiammabile.

Pertanto, i finanzieri hanno provveduto all’immediato sequestro ed all’asportazione del materiale esplodente, al fine di salvaguardare l’incolumità dei presenti, dei clienti del centro commerciale e del vicinato.

La titolare del negozio, di nazionalità cinese, è stata deferita a piede libero alla Procura della Repubblica di Avellino per la violazione dell’articolo 678 del codice penale, che punisce, tra l’altro, chiunque detiene legalmente materiale esplodente senza le giuste cautele.

Il dispositivo di contrasto alla detenzione e alla vendita pericolosa di artifici pirotecnici eseguito dalla Guardia di Finanza di Avellino ed intensificato in questo periodo di preparazione alle festivita` natalizie e di fine anno, ha consentito, con quest’ultimo sequestro, di togliere dal mercato complessivamente piu` di 115.600 fuochi d’artificio venduti in modo non sicuro.