L’Irpinia l e la sua lingua nei racconti di una antica terra

Un viaggio tra il linguaggio antico dell'Irpinia per riscoprire un modo di esprimersi nel quale la tradizione attraversa la storia di un popolo

I dialetti irpini in un viaggio temporale, dal’800 ai tempi moderni, tradizioni linguistiche e storiche che parlano di un popolo, quello irpino, pieno di straordinari costumi che, nonostante i tempi, regalano ancora una spettacolare magia

Il racconto in lingua : La telaiola e lo figlio

 Na femmena telajola tenia no figlio chi ntennia re cose sempe a capa suja, a la strampalata. No juorno la mamma pigliavo no tuocco re tela, lo consegnavo allo figlio e li ricette:

  • Tè sto tuoccore tela e bà la vinni pe lo paese, ma ra la tela a chi no face chiacchiere, pecche li chiacchiaruni no fanno mai bene. –
  • Va bene – ricette lo figlio – Aggio capito! –

E se ne iette pe lo paese alluccanno “Chi s’accatta la tela?”. Lo chiamavo no paesano e li ricette:

  • Nèbon’ò, a quanto la vinni la tela? –

Isso botta e risposta li ricette:

  • La tela mia no ro davo a te pecchè si chiacchierone ; io ro bengo a chi non face chiacchiere. –
  • Bè – ricette quiro, statti buono e la maronna t’accompagna. –

Tantani ne trovavo, ma chi chiu chi meno sempre chiacchieravano, almeno pe lo chiama. Niscuno no potia fa armeno re rice:

  • Ohi lo teljiolo,-

Ma lo telajuolo chi volia che fossimo stati mupi, era arrivato a miezzo iorno e la tela non l’avia vennuta. A no pizzo trovavo no Gesocristo nfaccia a na croce, s’azzeccavo, li mettette la tela vecino e se ne jette, e pe bia ricia:

  • Aggio trovato chi non face chiacchiere; lo potia trovà ra momani, ca no stancava fiè a mo cammenanno. –

Arrivav adda mamma senza tela e senza renari e, tutto preciato, le recette:

  • Mamma, ma! Aggio trovato a chi n’ha fatto chiacchiere e l’aggio rato a tela. Crai mi vavo a piglià li renari.; pecchè, come ca no m’ha rispuosto, segno ca crai mi paha. –
  • Va buono – recette la mamma – assiggi li renari della tela e portammirre, ca si no abbuschi mazzate e no ti manno chiù a benne tela.

Lo juorno appriesso passavo pe nanti lo Gesocristo e li ricette:

  • Ohi, l’ommene, è passato no juorno; mi vuò ra li renari re la tela? La tela mia no ro bero chiù qua, t’avrai fatt fa re cammise e mo mi vuo pagà. Come vai sto cunto!..rammi li renari ca r’aggio ra portà a mamma ca si no me vatte! –

Recenno accossi passao na cornacchia e facette “cra”; isso responnette:

  • Crai puro vene, Vengo crai, fammi trovà li renari-

Iette la seconda vota a da la mamma senza renari e li ricette:

  • Crai, ma, porto li renari re la tela; accossi ha ditto l’ommene.-

L’ato iorno appriesso assette ra la casa e s’abbiavo addò era lo Gesocristo e pe combinazione passavo n’ata vota la cornacchia, iusto quanno recia:

  • Oi l’omo, mi vuoi ra li renari re la tela?-

Subito la cornacchia “cra, cra”.

  • si – responnette lo figlio re la telajola – po so crai no bene chiù, e passato lo crai e lo piscrai, crai mi porto la piroccola re la bonanima re tata,e si non me rai li renari, t’abbotto re piroccolate. Statti buono e penza re mi fa trovà li renari re la tela.-

Finarmente sabbiavo pe la via re la casa e ghiette a contà tutto alla mamma li ricette:

  • Si crai no puorti li renari, povero te,ti scanno. No me ne curo ca vaco ngalera.-

E quero recette:

  • Oi ma, no dubbità, ca crai ti porto li renari a tutti cunti. Ti voglio fa vere io che saccio fa; voglio fa no picca lo malandrino, mi voglio fa feti lo mostrazzo!-

Arrivato l’ato juorno, s’abbecenavo nfaccia lo pizzo addò era lo Gesocristo, co na piroccola mano e lo cappiello a la sgherra, e decette n’ata vota :

  • né ammene, mi vuo rà li renari re la tela?-

E nata vota passao la cornacchia e fece “cra, cra”.

  • Mo – recette, – ti voglio rammentà crai e pescari,- aozavo la peroccola e beretunghete e mneretunghete a lo Gesocristo recenno:
  • – Rammi li renari re la tela, che tanno bonto r’accercina piroccolate!-

Quando, una botta, si scasciavo la cstata re lo Gesocristo e n’assettero purassai renari; tanno abbondavo re vatte, s’arrunavo li renari e se ne ivo a la casa.

Scontavo no pignataro co no ciuccio carrico re pignate rotte e merecate e li recette:

  • Nè pignatà, vuò fa cagno re pignate pe danari?
  • – si. – recette lo pignataro- io questo vavo facenno. Dunche , si volimmo fa lo neozio, avimo ra fa accossi: tu mi rai tutti li renari e io te rao tutte le pignate, a chi resta resta coglionato.-

Fecero cangi e ognuno pigliavo la via soa; lo figlio re la telajaola se ne iette adda mamma tutto preciato recenno:

  • Uh, mamma mia, te voglio arricchi, vi quante pignate t’aggio portate pe no tuocco re tela ch’aggio vennuto.-

La mamma afferrao no palo, lo ndronavo buono re palate e ra tanno mpoi mettette iorizio.

(tratto da Li Canti Viecchi – di Modestino della Sala)

 

Il racconto in italiano :  La venditrice di tela e il figlio

Una venditrice di stoffe aveva un figlio che comprendeva sempre le cose a modo suo, in modo stravagante. Un giorno la mamma prese un pezzo di stoffa, lo dette al figlio e gli disse:

  • Prendi questa pezza di tela e vai a venderla al paese, ma dai la tela a chi non fa chiacchiere, perchè i chiacchieroni non fanno mai bene. –
  • Va bene. – disse il figlio, – ho compreso!-

E se ne andò per il paese, urlando strada facendo “Chi compra la tela! Lo chiamò un tale e gli disse:

  • Ehi, buon uomo, a quanto vendi la tela!-

Subito gli disse:

  • La mia tela non te la do perché sei chiacchierone, io la vendo a chi non fa chiacchiere.-
  • Bhè – disse quello, – La Madonna ti accompagni! –

Tanti ne trovò, ma chi più chi meno, erano sempre chiacchieroni, almeno per chiamarlo. Nessuno poteva fare a meno di dire:

  • Ehi, venditore di tela! .-

ma il ragazzo, che voleva che fossero muti, era arrivato mezzogiorno e la tela non l’aveva venduta. Ad un cantone trovò  un Gesù Cristo posto in croce, si avvicinò, gli mise la tela accanto e se ne andò; per strada diceva:

  • Ho trovato chi non fa chiacchiere; lo avessi trovato sin da stamane, che non mi sarei stancato fino ad ora camminando.

Arrivò dalla mamma senza tela e senza denari e, tutto felice, le disse:

  • Mamma, mamma!Ho trovato chi non ha fatto chiacchiere e gli ho dato la tela. Domani vado a prendere i denari,perché, dato che non mi ha risposto, è segno che domani mi paga.
  • Bene! – disse la mamma. – Riscuoti i denari della tela e portameli, perché altrimenti prendi botte e non ti mando più a vendere tela.-

Il giorno dopo passò davanti al crocefisso e gli disse:

  • Uomo! È passato un giorno; mi vuoi dare i denari della tela? La mia tela non la vedo più qua; ti sarai fatto fare le camice e non mi vuoi pagare. Come va? Dammi i denari, che li devo portare a mamma, altrimenti mi batte. –

Mentre diceva così passò una cornacchia e fece “cra” e lui rispose:

  • Anche domani viene!Vengo domani fammi trovare i denari.-

Andò la seconda volta dalla mamma senza denari e le disse:

  • Domani mamma, porto i denari della tela; così ha detto l’uomo.-

Il giorno dopo uscì di casa e si avviò al luogo dove era il crocefisso e per caso nuovamente la cornacchia, proprio mentre diceva:

  • Ehi uomo, mi vuoi dare i denari della tela? –

Subito la cornacchia: “cra, cra”.

  • Si – rispose il figlio della telaiola – Dopo, questo domani non viene più e, passato il domani e il dopodomani, domani mi porto la mazza della buon’anima di papà e se non mi dai i denari ti gonfio di botte. Stammi bene e pensa di farmi trovare i denari della tela.-

Infine si avviò per la strada di casa ed andò a raccontare tutto alla mamma e la mamma gli disse:

  • Se domani non porti i denari, povero te, ti taglio la gola. Non mi curo di andare in prigione. E Giovannino dissi:
  • Ohi mamma, non avere dubbi, perché domani ti porto i denari ad ogni costo. Ti voglio far vedere io che so fare; voglio essere un poco malandrino, voglio dimostrarmi guappo.-

Arrivato il giorno dopo, si avvicinò al luogo dove era il crocefisso, con una mazza in mano e il cappello sulla ventitré e disse un’altra volta:

  • Ohi, uomo! Mi vuoi dare i denari della tela?-

E un’altra volta passò la cornacchia e fece “cra, cra”. Disse:

  • Ora ti voglio ricordare il domani e il dopodomani!-

Alzò  la mazza e beretughete e berétunghete al crocefisso, dicendo:

  • Dammi i denari della tela, perché allora finisco di tirare mazzate.-

All’improvviso si ruppe il costato del crocefisso e ne uscirono molti denari; si fermò di battere, raccolse i denari e se ne andò a casa. Incontrò un venditore con un asino carico di pentole rotte e riparate e gli disse:

  • Ohi, pignattaro, vuoi cambiare le pignatte col denaro? –
  • Si – disse il pignattaro – io questo vado facendo. Dunque, se vogliamo fare un affare, dobbiamo fare in questo modo, tu mi dai tutti i denari ed io ti do tutte le pignatte, non importa chi rimane imbrogliato.

Fecero cambio, ed ognuno prese la sua strada, il figlio della telaiola se ne andò dalla madre tutto contento, dicendo :

  • Uh, mamma, ti voglio arricchire; vedi quante pignatte ti ho portato per una pezza di tela che ho venduto!-

La mamma prese un palo e gli dette tante mazzate; da allora mise giudizio.