Incentivi per giovani imprenditori, il convegno a Montoro

Contributi a fondo perduto e finanziamenti a tasso zero, il 20 ottobre il confronto con gli esperti a Palazzo Macchiarelli

Palazzo Macchiarelli convegno incentivi invitalia giovani

MONTORO. È previsto per venerdì 20 ottobre 2017 il convegno “Accompagnare la crescita dei giovani e del territorio”. L’evento,  che avrà inizio  alle ore 17.00 alla frazione Misciano di Montoro, presso Palazzo Macchiarelli è stato organizzato dal Comune di Montoro e dalla cooperativa sociale “L’Isola che c’è” nell’ambito del progetto “Itinera” con la collaborazione della Camera di Commercio di Avellino, del Forum dei giovani regionale, della Csi Formactions e Slow Food Condotta Avellino.

Nel corso del convegno verranno illustrati i dettagli dell’incentivo “Resto al Sud” che prevede un contributo a fondo perduto e un finanziamento a tasso 0 per attività di produzione e servizi realizzate da under 35, rivolto ad aziende individuali ed anche a società di persone ancora da costituire. Si discuteranno inoltre altre misure già attive, dedicate ai giovani da Invitalia: “Selfiemployment“, finanziamento con prestiti a tasso 0 per l’avvio di piccole iniziative imprenditoriali; “Nuove Imprese a Tasso 0“, incentivo per giovani e donne che vogliono diventare imprenditori con progetti di impresa con spese fino a 1,5 milioni di euro.

L’ illustrazione degli incentivi sarà a cura della dottoressa Flavia Stanco, commercialista esperta in finanza agevolata, e del dottor Gianfranco Dalia, avvocato esperto in verifiche legali e amministrative presso Invitalia.  Presenti al convegno per i saluti istituzionali: Speranza Marangelo, presidente della cooperativa “L’ Isola che c’è”,  Mario Bianchino, sindaco di Montoro,  il consigliere comunale Guglielmo Lepre, e il Presidente della Camera di Commercio Oreste La Stella. Sono inoltre previsti gli interventi di Giuseppe Caruso (presidente Forum regionale giovani); Filomena Verdoliva (presidente  Forum giovani Montoro); Carlo Iacoviello fiduciario condotta Slow Food).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *