Gratis dal dentista per un mese grazie a Fondazione ANDI

Quando si parla di denti e di cure ad essi connesse si deve sottolineare un dato molto importante: lo scorso anno, ben 4 milioni di italiani, soprattutto donne, hanno deciso di rinunciare alle cure odontoiatriche perché troppo costose.

Quando si parla di denti e di cure ad essi connesse si deve sottolineare un dato molto importante: lo scorso anno, ben 4 milioni di italiani, soprattutto donne, hanno deciso di rinunciare alle cure odontoiatriche perché troppo costose.

Si tratta di una realtà che non può essere ignorata, poiché nel nostro paese questo tipo di trattamenti ha costi ben più elevati rispetto a quelli che si registrano in altri paesi europei. Lo sa bene la Fondazione Andi, che ha deciso di indire un mese di visite dentistiche gratuite. Ecco, quindi, che dal 7 Maggio all’8 Giugno 2018 è possibile prenotare gratuitamente la propria visita presso uno dei 3.000 dentisti che aderiscono all’iniziativa in tutto il paese.

L’importanza dell’iniziativa è ancora maggiore se si pensa che l’assistenza odontoiatrica pubblica non è sempre disponibile, poiché è garantita solo in caso d’urgenza e per alcune fasce di assistiti. Nello specifico, la legge dice che le cure odontoiatriche a carico del Servizio sanitario nazionale devono essere limitate all’età evolutiva, che va da 0 a 14 anni, e ai pazienti che hanno delle condizioni di salute precarie, come coloro i quali sono in attesa di trapianto o che stanno seguendo un percorso di radioterapia per la cura di tumori e affini. Se, invece, si tratta di cittadini indigenti, con basso reddito, la scelta è in mano alle Regioni, che possono decidere o meno per l’accesso alle cure dentali gratuite.

Sono proprio queste condizioni che spingono diversi italiani a non andare dal dentista. Le cure costano e, per un motivo o per un altro, non tutti rientrano nelle condizioni speciali di cui sopra. Pertanto, in molti casi si preferisce rinunciare alla visita di controllo annuale. Tuttavia, non c’è nulla di più sbagliato, perché i denti sono importanti e vanno curati e tenuti sotto controllo. È importante, quindi, andare a fare delle visite periodiche, sin dalla tenera età. Si deve anche essere sempre informati in merito a quelle che sono le ultime tendenze del settore, perché, ad esempio, vengono presentati strumenti sempre nuovi e meno invasivi. Inoltre, sui portali di settore si possono trovare consigli e tutto quello che serve per prendersi cura dei propri denti e per trattarli nel migliore dei modi. Per questo motivo, si consiglia il portale https://dottordentista.com/ che è un vero e proprio punto di riferimento nel settore dell’odontoiatria e che è la fonte migliore per suggerimenti e consigli di vario tipo. Qui si trovano risorse utili di vario tipo, descrizioni di prodotti e trattamenti e molto altro ancora. Un sito come questo appena indicato è un valido supporto per tutti coloro i quali ci tengono alla salute dei propri denti e del proprio sorriso a 360 gradi! Seguire i consigli degli esperti, soprattutto in casi delicati come questi, è sempre importante, perché permette di prendere le giuste decisioni sul da farsi.

In più, questo mese, è possibile unire il tutto a una visita gratuita offerta dalla Fondazione Andi. Come viene ricordato nel comunicato inerente l’iniziativa, trascurare i denti comporta un rischio non solo per la nostra bocca, bensì per la nostra salute. Per questo motivo è importante andare a prenotare, qualora sia necessario, una visita gratuita chiamando il numero verde 800.911.202. Il periodo va, come detto, dal 7 Maggio all’8 Giugno e sono 3mila i dentisti della Fondazione Andi che hanno aderito all’iniziativa. Non ci sono limiti di età e, pertanto, possono prenotare adulti, anziani e anche bambini che hanno bisogno delle loro prime visite dal dentista. Si tratta di un notevole aiuto che Andi vuole dare a tutti coloro i quali hanno delle difficoltà a pagare le cure dentali, perché nessuno dovrebbe farne a meno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *