Droni contro i reati ambientali, Avellino il primo Comune in Italia

Soddisfazione da parte dell'Amministrazione Comunale per l'adozione dei droni per il monitoraggio dei reati ambietali su tutto il territorio

Con un post su Facebook il Sindaco di Avellino, Vincenzo Ciampi, annuncia la rivoluzione. Per la prima volta in Italia un Comune utilizzerà i droni contro i reati ambientali, per individuare i roghi dannosi, pratica vietata su tutto il territorio da una speciale ordinanza, troppo spesso dissattesa.

Le parole di Ciampi

“Siamo il primo Comune in Italia a poter individuare, in tempo reale, chi immette nell’aria fumi dannosi per l’ambiente e la salute bruciando in maniera illegale i residui vegetali, pratica vietata su tutto il territorio comunale da un’ordinanza sindacale che, troppo spesso, viene però disattesa”.

“Questa mattina, insieme al comando di Polizia Municipale di Avellino, abbiamo presentato il sistema che si avvale delle nuove tecnologie, ovvero i droni: il volo scatta una foto georeferenziata con coordinate che, immesse nel software, è in grado di restituirci foglio, particella e proprietario”.

“Un sistema rivoluzionario che sta già dando i primi risultati. Oltre al comandante dei caschi bianchi, Michele Arvonio, occorre fare un plauso particolare all’Analist Group dell’ingegnere Antonio Iannuzzi, il quale mette a disposizione del Comune, a costo zero, le proprie tecnologie”.

“Come M5S crediamo nella partecipazione attiva dei cittadini, se ognuno di noi dedicasse un po’ di tempo alla propria comunità staremmo tutti meglio”.

“Per la nostra amministrazione, la salute è al primo posto. Non c’è solo la repressione, per noi è un dovere morale tutelare la salute dei cittadini. Siamo impegnati a 360° a tutela dell’ambiente e a preservare il nostro territorio dall’inquinamento”.

“La salute dei cittadini prima di tutto”.”



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *