Cimitero Avellino: rabbia per parcheggi a pagamento

Lunghe file ai parchimetri attivati dall'amministrazione per le 48 ore di maggiore affluenza al Cimitero, i cittadini protestano

rabbia parcheggi a pagamento

AVELLINO. Scoppia la rabbia dei cittadini avellinesi dopo il provvedimento preso dall’amministrazione comunale per la due giorni di ognissanti e della commemorazione dei defunti. Per evitare i parcheggiatori abusivi, infatti, il Comune di Avellino ha deciso di mettere in funzione i parchimetri della zona ma solo per 48 ore. Scatta la polemica, i cittadini si indignano non solo perché costretti a pagare ma per le lunghe file create nei momenti di maggiore affluenza al cimitero.

In una dichiarazione pubblicata sul quotidiano Il Mattino, il capogruppo del Pd Giuseppe Gacobbe esprime il suo dissenso:  «Anche, se grazie all’apertura dei parchimetri, non si sono visti gli abusivi – afferma – a mio avviso, il provvedimento poteva essere evitato. Sarebbe bastato mettere in presidio un vigile urbano e avremmo risolto il problema».

Questo sarebbe l’ultimo giorno in cui gli apparecchi resteranno in funzione. Già da domani le gettoniere saranno nuovamente bendate e la sosta tornerà libera in attesa del nuovo bando parcheggi in città. Da qui il paradosso che ha scatenato la rabbia dei cittadini indignati per questo meccanismo che prevede la sosta a pagamento nell’area antistante al cimitero proprio nei due giorni di maggiore affluenza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *