Baby prostitute: i dettagli dell’operazione

Tre gli anziani coinvolti, dodici le vittime. La fragilità emotiva delle ragazzine dovuta a condizioni di disagio economico alla base di tutto

prostituzione minorile avellino

AVELLINO. Del caso avevamo già parlato in questo articolo ma nuovi particolari sono stati diffusi dal Comando Provinciale dei carabinieri. Un Circolo degli orrori, quello in cui alcune ragazzinedodici in tutto, dai 14 ai 17 anni – erano state circuite: prestazioni sessuali concordate per cifre tra i 10 e i 100 euro.
Quella che era diventata una vera e propria alcova di prostituzione minorile ha, fin ora, tre accusati: uomini di 70, 60 ed 85 anni. 

I tre anziani erano riusciti a convincere le giovanissime studentesse a frequentare il Circolo per sesso a pagamento, tanto che spesso le ragazzine marinavano la scuola.

Le indagini

Cominciati nel 2016, i lavori di investigazione inizialmente mirati a reati omogenei hanno portato, inaspettatamente, a questa matassa. Se nel 2016 c’era stato un arresto, nella mattina di oggi sono state tre le ordinanze di custodia cautelare, a Mercogliano e Lapio. 

Il 70enne proprietario del circolo è finito in carcere, gli altri due agli arresti domiciliari. Contestualmente all’esecuzione della misura cautelare sono state effettuate numerose perquisizioni domiciliari e locali presso i luoghi dove si sarebbe consumata la prostituzione.

Le lusinghe dell’anziano erano semplici: dapprima un lavoro remunerato e poi la proposta a sfondo sessuale. Non solo: anche la promessa di guadagni più alti in proporzione alla “disponibilità” e la richiesta di portare altre amichette. Luogo dell’incontro una stanza del Circolo. 

Vari i motivi per cui le giovanissime avrebbero ceduto alle avacens: alcune per difficoltà economiche, tutte per la fragilità emotiva tipica dell’età.
Il proprietario del circolo aveva poi organizzato incontri tra alcune delle studentesse e altri due clienti del circolo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *