Da Avellino la prima clinica mobile in Kenya

Il progetto che partirà a gennaio è possibile grazie all'associazione TotaLife che ha versato un contributo di 70mila euro

clinica mobile Kenya

AVELLINO. Arriva dalla Campania la prima clinica mobile della Croce Rossa del Kenya. Grazie all’associazione di beneficenza  TotaLife che ha sede ad Avellino si intensificano le attività di prevenzione e cura in una parte disagiata dell’Africa. Realizzata in collaborazione con la K.R.C.S., la Croce Rossa del Kenya (sede di Malindi), la “clinica mobile”  rappresenterà uno strumento particolarmente efficace per fornire cure e assistenza medica nel raggio di ben 400 chilometri. Dunque migliaia di persone di interi villaggi, impossibilitate a raggiungere gli ospedali di Malindi e Nairobi, avranno cure mediche domiciliari. È un dato di fatto che la maggior parte dei decessi o del peggioramento delle condizioni di salute della popolazione del Kenya è dovuta all’ impossibilità di raggiungere i presidi ospedalieri, da qui la necessità di creare un polo mobile per la cura dei malati. Una svolta epocale per l’assistenza sanitaria in Kenya, che da oggi ha un alleato in più. La clinica mobile è già esistente ed allestita ma verrà presentata ufficialmente il 6 gennaio 2018 a Malindi. L’attivazione della struttura sarà possibile solo grazie al sostegno di Totalife che ha contribuito al progetto con una donazione di ben 70.000 euro. «È per noi un motivo di grande orgoglio pensare che questo progetto, nato solo un anno fa da una conversazione con la Croce Rossa del Kenya, sia già operativo. – dichiara il presidente di TotaLife, Roberto Godas al quotidiano il Mattino– A settembre, infatti, siamo stati in Kenya per prendere la Clinica Mobile dal fornitore e consegnarla alla Croce Rossa. Il prossimo gennaio ci sarà una cerimonia ufficiale con le istituzioni, la diplomazia, il Ministero della Salute kenyota. Ma non finisce qui, abbiamo già la disponibilità di tanti medici irpini, che fanno parte della nostra associazione, per venire in Kenya a operare e a formare il personale».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *