Scandalo L’incontro: le giovani raccontano

Anche un dress code per compiacere gli orchi. Le testimonianze e le indagini riservano ancora molte verità da scoprire: altri clienti, ad esempio

baby prostitute squillo processo titolare clienti incontro testimonianze circolo baby prostitute circolo condanna baby squillo

AVELLINO. Trapelano le testimonianze delle giovani vittime del «circolo degli orrori» di via Vasto.

Stando a quanto riporta  Il Quotidiano del Sud alle ragazzine era stato spiegato come sedurre gli orchi che frequentavano il circolo. Il gestore del club (arrestato) aveva spiegato alle ragazzine di «accontentare i clienti e stare ferme, qualunque cosa facciano».

Una di loro racconta che le era stato detto: «Fai la “brasiliana”, balla e fatti toccare e se ti siedi sopra guadagni anche qualcosa in più». Il degrado di cui parlano le ragazzine si tinge di particolari: gli incontri si svolgevano al piano superiore del locale, dove le ragazze dovevano portare le consumazioni ai clienti del circolo.

Una delle minorenni racconta: «Frequento quel circolo da circa due anni ogni giorno il titolare mi riempiva di complimenti e qualche volta mi toccava. Un giorno mi chiese di lavorare con lui e aggiunse che potevo guadagnare di più se avessi portato il caffè al piano di sopra e avessi fatto la simpatica con i clienti. Mi disse che dovevo ammaliarli e toccarli e che al compimento dei sedici anni avrei guadagnato di più». Venti euro per quelle pesanti ed inopportune “carezze”.

Non solo la mattina, ovviamente. Per gli incontri serali, però, raccontano che c’era un dress code da rispettare: tacchi alti, abiti succinti.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *